Pubblicato martedì, 23 settembre 2008 18:00 - Letture Articolo 4361 - Condividi 
In ricordo di Emeric: Un'oscura luminosità
Emeric Jakar ImreLa ricerca di Emeric Jacab nasce inizialmente da un confronto con la scrittura, la grafia; il segno inintelligibile che diviene senso, significato, apparizione. La scrittura non è fatta per essere intesa, non perché sia difficile od oscura, ma perché chiara nella sue nerezza.
Il nero quindi come passaggio da negazione ad affermazione; da oscurità a luce, dualità esemplari tra texture come grafia e segno come espressione.
Il nero dagli stessi significati, il non-colore, che nelle sue incisioni diviene il colore per eccellenza.
Molto si può dire sul simbolismo di questa tinta che contiene in sé sia il negativo che il positivo, sia la luce, che la tenebra.
Interessante cercare correlazioni poiché l’uso di questo colore e la tecnica che l’artista usa, hanno simbolicamente una stretta connessione.
Intanto c’è da dire che il nero non è soltanto negazione, anzi rappresenta spesso l’inizio e la fine di un cammino interiore di intensa spiritualità, intendendo la stessa come possibilità di accesso al sacro, all’altrove, al di là di ogni fede religiosa.
Le nero è anche il colore della materia prima, dell’indifferenziazione originaria del caos primordiale da cui tutto ha inizio,
Nell’opera di Emeric, il nero assume valore totale, estendendosi al di là del suo semplice essere tinta e divenendo materia e sostanza originaria.
La stessa tecnica incisoria caratterizzata da stadi successivi, ha forti affinità con la tecnica alchimistica; ecco quindi che l’artista diviene l’iniziato che utilizzando il bianco cartaceo il nero-materia, libera l’immagine e suggerisce la presenza del vuoto.
Il segno stesso mantiene questa ambivalenza, da grafia scritturale, muta in semplice grafia, quasi dei graffi che incidono sottilmente l’impianto compositivo della lastra.
Altrove appare una diafana immagine, quasi una evocazione ectoplasmica, una ambigua presenza che non si sa se sia assorbita da nero fondale o evocata come immagine luminosa dalla oscurità.
L’opera grafica di Emeric Jakab raggiunge quindi alti vertici espressivi, attraverso una tecnica esemplare che pur operando per riduzione e sintesi, mantiene intatta una ricchezza di soluzioni espressive ed una profonda stratificazione di significati.

Prof. Maurizio Cesarini - Senigallia

Commenti

Scrivi commento
Nome:Visitatore anonimo
Titolo:
BBCode:Web AddressEmail AddressBold TextItalic TextUnderlined TextQuoteCodeOpen ListList ItemClose List
Commento:



Riscrivi questo codice

< Precedente   Prossimo >

Il Mercatino di Senigallia
Inserisci un annuncioTutti gli annunci

Guarda le previsioni meteo a Senigallia per i prossimi giorni
Segui il nostro Network
Le ultime notizie pubblicate sui nostri portali, eventi, opinioni, commenti dei lettori, da Senigallia, valle del Misa, Ancona

Senigallia Notizie
60019.it: quotidiano on-line per vivere Senigallia e il territorio



TuttoSenigallia.it - Le aziende della città
Utenti Online
Abbiamo 890 visitatori online
Menù
Home
Annunci-Partecipazioni
Meteo Senigallia
Storia di Senigallia
Musei
Monumenti
Manifestazioni
Mario Giacomelli
Indirizzi utili
Frazioni di Senigallia
Città gemellate
Sport
La pesca
Hotel di Senigallia
Tutto Senigallia: Hotel
Locali di Senigallia
Ristoranti di Senigallia
Aziende e Siti amici
Mappa del sito



Aziende italianeCerca
un'azienda
Cosa:


Dove:




Aziende a Senigallia